Preghiere in tempo di epidemia - Parrocchia San Giuseppe Manfredonia

71043 - Manfredonia FG Via Dei Veneziani snc
Parrocchia San Giuseppe
Vai ai contenuti

Preghiere in tempo di epidemia

Comunicazioni > Preghiera
Preghiere in tempo
di epidemia

21 marzo 2020 | Preghiera
_______________________________________
Un piccolo contributo per la preghiera personale. Ne reciteremo una in ogni Celebrazione Eucaristica, in attesa di conoscere (mercoledì prossimo) il testo della preghiera appositamente composta dal nostro Arcivescovo.

1. Libero adattamento del testo della preghiera (composta dal Card. Crescenzio Sepe, Arcivescovo di Napoli), che viene recitata al termine di ogni S. Messa nel Santuario di San Pio, a San Giovanni Rotondo, e, attraverso la tv, in comunione spirituale in ogni parte del mondo.

O Dio, Padre nostro, ricco di bontà infinita, guarda il Tuo popolo provato da una grave epidemia. Fa’ che ancora e sempre possiamo sperimentare la tua grande misericordia e la tua paterna tenerezza. Ti affidiamo tutti gli ammalati, gli anziani, i bambini e le loro famiglie; proteggi gli operatori sanitari che sono in prima linea per aiutare le tante persone colpite dal male; dona luce e sapienza a quanti cercano nuove vie per salvaguardare la nostra salute. Ti chiediamo, Padre buono, di accogliere tra le braccia della Tua Misericordia tutte le vittime di questo male.

O Maria, Vergine Santissima, Madre delle Grazie e, da sempre, Regina del nostro Popolo, al Tuo Cuore affidiamo le nostre ansie, i timori e le paure di questi giorni. Prega per noi figli tuoi. Cammina al nostro fianco e mostrati, quale sei, Madre nostra, Madre di grazia e di consolazione, Madre di fortezza e di speranza.

O caro ed amato San Pio da Pietrelcina, tu che nella nostra terra tanto bene hai portato ai sofferenti tutti dell’anima e del corpo, intercedi per noi, ed ottienici con tutti i Santi la liberazione da questa epidemia, per poter cantare e ringraziare con un cuore nuovo la misericordia di Dio Padre, Figlio e Spirito Santo. Amen.

2. Libero adattamento del testo della preghiera (composta da Mons. Michele Seccia, Arcivescovo di Lecce) che viene recitata durante la speciale Novena che si sta tenendo nella Basilica Santuario di San Michele Arcangelo in Monte Sant’Angelo, in preparazione al pellegrinaggio penitenziale che il nostro Arcivescovo, Padre Franco Moscone, ivi compirà il prossimo 25 marzo.

Signore Gesù, Medico delle anime e dei corpi, in questo momento così delicato per la nostra gente e per l’intera Nazione, Ti invochiamo con fervore: liberaci dalla piaga del Coronavirus, che contagia sempre più persone e ingenera paura e smarrimento. Cura i malati che soffrono e avvertono la solitudine del forzato isolamento e sostieni i medici e coloro che lavorano a tutela della nostra salute. Gesù Crocifisso, rivelaci quell’amore che si china sulle ferite del Tuo popolo che in Te solo trova rifugio e sostegno sicuri. Cristo Risorto, Ti imploriamo per intercessione del glorioso Arcangelo Michele, che un tempo ci liberò dalla terribile peste e ora non mancherà di ottenerci dal Padre la salvezza da questo contagioso male, e soprattutto dal male ancora più terribile del peccato. Vergine Santa, Regina del Rosario, Aiuto dei cristiani e Salute degli infermi, sostienici in questa lotta, proteggici da ogni male dell’anima e del corpo e donaci la Tua materna protezione. Amen.

3) Preghiera a San Giuseppe, liberamente ispirata al “Discorso 2 su San Giuseppe” di San Bernardino da Siena, sacerdote

O beato San Giuseppe, Patrono della Chiesa universale e della nostra Comunità parrocchiale, il Figlio tuo putativo certamente non ti nega in Cielo quella familiarità, quella riverenza e quell’altissima dignità che ti ha mostrato mentre viveva fra gli uomini. Ricordati dunque di noi ed intercedi per noi con la tua potente preghiera; ma rendici anche propizia la Beatissima Vergine tua Sposa, affinchè i nostri fratelli defunti a causa di questa epidemia che imperversa siano accolti nella gioia del Paradiso, gli infermi vengano confortati e sanati, coloro che li curano e che ricercano le cure siano illuminati e sostenuti dallo Spirito Santo. Ottienici dal Signore il dono della fortezza nella prova, e fa’ che cessi presto questo morbo maligno, affinchè tutti noi – purificati e rinnovati nel cuore – possiamo sempre cantare e celebrare la misericordia di Dio, che è Padre, Figlio e Spirito Santo. Amen.
Categorie
Torna ai contenuti