La lettera di don Biagio - Parrocchia San Giuseppe Manfredonia

71043 - Manfredonia FG Via Dei Veneziani snc
Parrocchia San Giuseppe
Vai ai contenuti

La lettera di don Biagio

Pastorale
Don Biagio scrive alla sua Comunità e agli operatori pastorali.

12 maggio 2020 | Pastorale
"Cosa abbiamo imparato da questo frammento di storia che ha coinvolto il mondo intero?”

Il nostro parroco, nella lettera scritta in occasione dell’apertura della chiesa anche alle Celebrazioni liturgiche con il popolo, prevista per il 18 maggio p.v., si rivolge alla sua Comunità e agli operatori pastorali – ricordati continuamente nelle sue preghiere -, con parole di comprensione, vicinanza e di profondo affetto.

Ripercorre puntualmente le difficoltà, le restrizioni ed i sacrifici vissuti da tutti, in questo periodo, condividendone la tristezza e l’angoscia. Al di là delle apparenze e delle forti restrizioni, però, don Biagio sottolinea la continua presenza della parrocchia nella vita liturgica, pastorale e nelle iniziative di contatto avviate sin dai primi difficili momenti. La nostra chiesa non si è mai fermata!  Seppur con modalità insolite, la parrocchia è stata vicina a tutti i fedeli e a coloro che l’hanno raggiunta chiedendo un po’ di sostegno nel bisogno.

Avverte, il nostro parroco, il bisogno di ringraziare tutti. In particolare le famiglie, che dalle proprie case hanno saputo vivere la propria fede come chiesa domestica. A tal proposito, egli riprende, sostenendone l’apporto prezioso e provvidenziale, il contributo essenziale dei moderni mezzi di comunicazione.

La lettera termina con un annuncio davvero profetico, nel quale don Biagio sente tutta la responsabilità del momento presente, da vivere sempre come “tempo di grazia”, per metterci in ascolto di Dio e dei fratelli. Ci interpella, in questo senso, una sua domanda: “Cosa abbiamo imparato da questo frammento di storia che ha coinvolto il mondo intero?”.

Anche se non è il tempo per fare progetti o programmazioni, questo interrogativo ci provocherà positivamente per il tempo futuro e sarà, credo, la base da cui ripartire per un rinnovato impegno personale e comunitario.

Già, don Biagio, noi, quando COVID-19 sarà finito, cosa avremo imparato? Qualsiasi ripartenza non potrà prescindere da questo vero e profondo esame di coscienza.

Grazie, don Biagio!

La lettera di don Biagio
In primo piano

14 aprile 2020

14 aprile 2020

14 aprile 2020

Caritas parrocchiale
14 aprile 2020
Torna ai contenuti