Sabato Santo - Parrocchia San Giuseppe Manfredonia

71043 - Manfredonia FG Via Dei Veneziani snc
Parrocchia San Giuseppe
Parrocchia San Giuseppe
Parrocchia San Giuseppe
Vai ai contenuti

Sabato Santo

10 aprile 2020 | Triduo pasquale
_______________________________________
Sabato Santo. Questo è il giorno in cui si fa memoria della sepoltura del Signore Gesù e del mistero della sua discesa agli inferi per portare la salvezza anche alle generazioni passate. La Chiesa è assorta in un silenzio adorante nell’attesa di poter celebrare, nella veglia pasquale, la vittoria di Cristo sulla morte. Le celebrazioni previste per questo Santo Giorno, trasmesse in diretta sulla pagina facebook della parrocchia al seguente indirizzo https://www.facebook.com/groups/183369281710042/, sono le seguenti:

  • Lodi Mattutine, alle ore 08.30;
  • Veglia Pasquale, alle ore 22.00;


CELEBRARE IL SABATO SANTO IN CASA

Cantare Vittoria

"Voglio cantare al Signore perché ha mirabilmente trionfato: cavallo e cavaliere ha gettato nel mare. Mia forza e mio canto è il Signore, egli è stato la mia salvezza" (Es 15,1-2).

Quanto è strano questo giorno di sabato.  Giorno zittito, inerte, svuotato. Giorno senza opere, né fatti, né eventi. Giorno di attesa. Giorno strano davvero, nulla più che una parola, non ci sono racconti; è un giorno saltato, un giorno oscuro, un giorno sul quale non c’è nulla da dire. Interminabile tempo senza appigli o certezze; senza parole sensate da dire, e sempre tentati a fuggire, per poi scoprirsi sempre tentati a restare.

Si canta la pasqua e un tiranno annientato. Si canta la pasqua e una salvezza ottenuta. Si canta la pasqua, la libertà ritrovata. Si canta a Dio, potente in battaglia. Si canta a Dio, che dona vittoria. Si canta a Dio, che è forza e salvezza. Si canta a Dio, che getta nel mare i carri e i cavalli e i guerrieri del re dell’Egitto. Si canta alla destra di Dio, potente e sublime, che annienta il nemico e gli avversari abbatte. Si canta a Dio, che rende vani i progetti degli empi, che si fa gioco di ogni arrogante. Si canta a Dio, che compie prodigi, che interviene quando non è data più nessuna via di fuga. Si canta a Dio che guida al riscatto, che ribalta le sorti e muta la storia; che trae la vita anche dai meandri di morte.
Celebrazione domestica
Triduo pasquale
Locandina
Torna ai contenuti